Triplete del Bruno-Franchetti che è ancora Campione!

Nell’incredibile cornice di un Taliercio colorato dai cori e le coreografie delle scuole partecipanti, l’Istituto Bruno/Franchetti di Mestre si conferma per il terzo anno consecutivo come vincitore della Reyer School Cup, al termine di una mattinata di grande sport e spettacolo. Ecco com’è andata.

La finalissima con il commento di Alberto Minazzi, coach Walter De Raffaele e Giacomo Galanda

Fotogallery (Clicca sulle foto)

Bruno/Franchetti-Galilei 40-28 (17-14)

Bruno/Franchetti: Bedin 12, Mantovani, Rigoni 5, Reginato, Barbiero, Bettiol, Mian 4, Ciaramella 9, Porzionato, Antelli, Tagliapietra 8, Camporese 2. All.: Centenaro.

Galilei: Pisani 2, Tintinaglia 2, Bortoluzzi, Dal Bò 1, Ghizzo, Dorbolò, Vujovic, Casagrande 8, Pavan 3, Bortolini 10, Perencin, Favalessa 2. All.: Comin.

I campioni in carica del Bruno/Franchetti rispettano il pronostico, battendo la sorpresa Galilei 40-28 e volando così in finale della Reyer School Cup 2017. In un clima di grande tifo, in cui i ragazzi del Bruno/Franchetti (che stendono davanti al loro settore un grande striscione con la scritta: “Fateci sognare… ancora”) fanno valere la loro maggior presenza numerica, mentre quelli del Galilei rispondono con il supporto di tamburi, parte meglio l’Istituto di Conegliano, con un contropiede di Bortolini e il canestro di Pisani per lo 0-4 dopo 1′. In un match dai ritmi elevati, Ciaramella sblocca i campioni in carica, poi Casagrande allunga sul 2-7 all’1’30” con una tripla, a cui risponde, sempre dall’arco, Tagliapietra, che apre il break del Bruno/Franchetti. L’Istituto mestrino sfrutta la maggior fisicità per pareggiare e poi superare, a metà tempo, sul 9-7 segnato da Bedin in rovesciato. Bortolini sblocca dalla lunetta (1/2) il Galilei dopo quasi 4′, ma la squadra trevigiana gioca troppo sulle individualità e così il Bruno/Franchetti allunga fino al 13-8 con Mian al 6′, affidandosi però troppo al tiro da 3. Così il Galilei rientra fino a -2, con Dorbolò che fallisce il canestro del pareggio sul 15-13 al 9′ e il primo tempo si chiude sul 17-14. La ripresa vede il Bruno/Franchetti cercare in particolare Bedin sotto canestro (due giochi da tre punti per il lungo dell’Istituto di Mestre), mentre il Galilei risponde da 3 con Pavan e Casagrande per il 23-20 all’11’30”. Pisani esce per falli, con le squadre che spendono entrambe il bonus dopo 2’30”. Sono i campioni in carica ad approfittarne, allungando sul 29-20 al 13′ e, dopo i liberi di Casagrande, toccano per la prima volta il vantaggio in doppia cifra al 14’30” (33-22) con Tagliapietra. Le energie calano, con i ragazzi del Galilei che appaiono più stanchi degli avversari, e il Bruno/Franchetti può quindi andare in controllo. Ciaramella riscrive il massimo margine (39-26) al 16’30”, con il seguente time out del Galilei che segna in pratica la fine della partita, visto che i due allenatori decidono di dare spazio a tutti gli effettivi, ed il match termina 40-28, senza più canestri negli ultimi 2′.

 

Berto-Benedetti/Tommaseo 31-39 (13-20)

Berto: Birello, Sperti, Covino, Grigoletto, Bonivento, Tagliapietra, Matteotti, Grosso 6, A. Tessarin (1998) 4, Simionato 3, Tronchin, A. Tessarin (1999) 18. All. Corò

Benedetti/Tommaseo: Panaccione 15, J. Freguja 3, Fabris, Bedini 2, Tosi 2, Seno 2, Ramazzotto 9, E. Freguja, Lucchese, Albano, Rizzo, Rigutto 6. All. Giacometti.

In una partita che ha saputo regalare emozioni, il Benedetti/Tommaseo batte il Berto 31-39 e raggiunge il Bruno/Franchetti nella Finalissima della Reyer School Cup 2017. Le due tifoserie sono posizionate in settori adiacenti, riempiti in ogni ordine di posto, e i cori e i reciproci sfottò non mancano anche prima dell’inizio della partita. Prima parte del match che vede un vero e proprio dominio in campo del Berto, trascinato da un ispiratissimo Andrea Tessarin (1999), che, con dieci punti, trascina i moglianesi sul 13-2 dopo 3’30”, completando un gioco da tre punti interrotto solo dal time out della panchina del Benedetti/Tommaseo. Proprio Tessarin, però, porta la sua squadra a spendere il bonus dopo meno di 4′ e i veneziani, che si sbloccano con il primo canestro dal campo di Ramazzotto per il 13-6 al 4’30”, sfruttano la precisione nei tiri liberi (4/4 di Rigutto) per avvicinarsi sul 13-8. Si sblocca anche capitan Panaccione, che impatta a quota 13 al 7′ e poi propizia il sorpasso con cinque punti consecutivi (13-18 all’8′). In un finale di tempo contrassegnato da grande agonismo, ma anche grande confusione, arriva poi solo il canestro del 13-20 di Ramazzotto. L’inerzia continua anche in avvio di secondo tempo, che si apre con la tripla di Panaccione che dà il vantaggio in doppia cifra al Benedetti/Tommaseo (13-23 all’11’). Il Berto perde Birello per una scavigliata e il Liceo veneziano, mostrando più reattività a rimbalzo offensivo, ne approfitta per doppiare gli avversari sul 13-26 con la tripla di Jacopo Freguja al 12′. Dopo il time out il Liceo di Mogliano si mette a zona e blocca l’attacco avversario. Andrea Tessarin ritrova finalmente la via del canestro al 13′, poi Grosso infila la tripla del 18-26 al 14′. Il Berto, però, sbaglia troppo e riesce così ad avvicinarsi solo fino al 20-26, sempre con Tessarin dalla lunetta al 16′, sul fallo del bonus di Tosi. Dopo il time-out, il Benedetti/Tommaseo comincia ad attaccare meglio la zona, sbloccandosi con Panaccione e tornando al +10 (20-30) al 17′ con Tosi. Ma non è ancora finita, perché la tripla di Simionato dall’angolo al 18’30” ridà speranza al Berto, che, sfruttando le palle perse dal Benedetti/Tommaseo, torna a -3 (31-34) a -29” grazie ai due Andrea Tessarin. A -18”, proprio il miglior marcatore del match spende un fallo in pressing su Panaccione, che, dopo il time out della sua panchina, fa 2/2 dalla lunetta, stoppando Tagliapietra sulla seguente penetrazione e regalando così la vittoria alla sua squadra, perché gli avversari non hanno la forza di spendere fallo e vengono anzi ulteriormente puniti sulla sirena dalla tripla di Ramazzotto del 31-39.

 

Bruno/Franchetti-Benedetti/Tommaseo 51-43 (20-21)

Bruno/Franchetti: Bedin 10, Mantovani 3, Rigoni 12, Reginato, Barbiero, Bettiol, Mian 2, Ciaramella 12, Porzionato, Antelli 12, Tagliapietra, Camporese. All.: Centenaro.

Benedetti/Tommaseo: Panaccione 18, J. Freguja, Fabris, Bedini, Tosi, Seno 7, Ramazzotto 2, E. Freguja, Lucchese, Albano 12, Rizzo, Rigutto 4. All. Giacometti.

Al termine di una partita dagli elevatissimi contenuti tecnici e agonistici, il Bruno/Franchetti piega la resistenza di un comunque ottimo Benedetti/Tommaseo e si aggiudica per il terzo anno consecutivo la Reyer School Cup, con il 51-43 della finalissima della Final Four al Taliercio. Si scende in campo dopo la disputa dell’All Star Game femminile, una delle novità della quarta edizione della Final Four (ad aggiudicarsela, la squadra Granata per 29-17, primo tempo 16-7), e le premiazioni dei 40 istituti partecipanti, degli undici MVP delle singole tappe, del miglior tifo (8 Marzo/Lorenz di Mirano), della miglior comunicazione (Galilei di San Donà di Piave), dell’istituto vincitore del primo Cheerleaders contest (Berto di Mogliano Veneto), del miglior arbitro (Giovanni Stinà, premiato da Giacomo Galanda, rappresentante del Settore scuole della Federazione) e del miglior marcatore del torneo (Joshua Pettenò del Foscarini di Venezia). Il clima è realmente quello tipico dei derby, con sugli spalti la cornice ideale di pubblico, rumoroso e acceso nelle due contrapposte curve.

Il match inizia con il doppio botta e risposta Bedin-Albano e Ciaramella-Rigutto, poi Panaccione e Ramazzotto portano il Benedetti/Tommaseo sul 4-8 al 3’30”, costringendo la panchina del Bruno/Franchetti a chiamare time-out. Il Liceo veneziano mantiene quattro punti di vantaggio fino all’8-12 del 5’30”, poi l’Istituto mestrino mette un parziale di 2-7 che vale il sorpasso sul 15-14 di Mian su bell’assist di Ciaramella al 7’30”. Si continua con sorpassi e controsorpassi, con Panaccione in grande evidenza, che dà al Benedetti/Tommaseo il 18-21, solo parzialmente rimontato da Antelli nell’ultimo minuto. Si va così all’intervallo sul 20-21. Si torna in campo dopo la finale del Three Point Contest, vinta 9-4 da Daniele Ciaramella del Bruno/Franchetti su Giulio Candotto del Morin, e il Benedetti/Tommaseo prova ancora l’allungo: al 12′ è 22-27, ma la controrisposta del Bruno/Franchetti è un 9-0 per il 31-27 di Bedin al 13’30”. Un gioco da tre punti di Albano riporta la situazione in parità a quota 33 al 15’30” e Seno dà il sorpasso sul 35-33 al 16′. E’ Antelli, votato alla fine MVP, a caricarsi i campioni in carica sulle spalle, ma sono le triple di Rigoni e Ciaramella (da 8 metri) a scavare il solco decisivo a -1’11”: 46-38. Capitan Panaccione non si arrende, ma i suoi cinque punti di fila valgono solo il 48-43 a -46”, perché, nel finale, Rigoni e Ciaramella trovano tre punti dalla lunetta e finisce così 51-43.

All Star Game femminile:

Premi speciali:

MVP Reyer School Cup 2017: Michele Antelli del Bruno-Franchetti di Mestre

Miglior marcatore Reyer School Cup 2017: Joshua Pettenò del Liceo Foscarini di Venezia

Miglior tifoseria Reyer School Cup 2017: 8 Marzo-Lorenz di Mirano

Miglior comunicazione Reyer School Cup 2017: Robert Mailat del Liceo Galilei di San Donà di Piave

Vincitore Gara del Tiro da 3: Daniele Ciaramella dell’Istituto Bruno-Franchetti di Mestre

Vincitore Cheerleaders Contest: Liceo Berto di Mogliano Veneto

Miglior arbitro Reyer School Cup: Giovanni Stinà

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.