Reyer School Cup: il Liceo Majorana – Corner si presenta

Liceo Majorana - Corner

Anche quest’anno il Liceo Majorana-Corner di Mirano parteciperà a questa grande competizione, con veterani e new entry, tutti intenzionati a divertirsi e a giocare un bel torneo (e chissà, magari a raggiungere anche una buona posizione).
Ecco il roster del Liceo Majorana-Corner di Mirano:

Riccardo Favaretto, 19 anni, alto 1,78 m, gioca nel A.S.D. Pallacanestro Mirano e tifa i Los Angeles Lakers;

Marco Baretta, 18 anni, alto 1,95 m, gioca anche lui nel A.S.D. Pallacanestro Mirano e anche lui tifa per la squadra dei Lakers;

Luca Giacomello, 17 anni, alto 1,79 m, è un altro giocatore del Mirano, ma tifa per la Pallacanestro Olimpia Milano.

Abbiamo quindi tre giocatori del A.S.D. Pallacanestro Spinea:

Simone Boldrin, 16 anni, alto 1,80 m e tifoso dei Golden State Warriors;

Simone Baratto, 17 anni, alto 1,90 m, supporter dei Chicago Bulls;

Francesco Carta, 17 anni, alto 1,82 m, tifoso della Dinamo Basket Sassari.

Di seguito, ben 4 giocatori provenienti dal A.S.D Basket Salzano ’03:

Matteo Barioli,16 anni, alto 1,78 m, tifa per i Miami Heat;

Leonardo Sartoretto, 17 anni, alto 1,90 m, tifa invece per i Cleveland Cavaliers;

Giovanni Armellin, 17 anni, alto 1,71 m, è un tifoso dei New York Knicks, mentre

Marco Favaro, 15 anni, alto 1,95 m e Daniele De Nat,16 anni e alto 1,77 m, sono tifosi dei Lakers.

Ultimo, ma non per importanza, abbiamo
Alessandro Furlan, 18 anni, alto 1,88 m, giocatore e tifoso del Cazzago.

Guida e segue la squadra il coach Marco Numi, 17 anni, studente del Liceo e giocatore del A.S.D. Pallacanestro Spinea che, dopo aver già partecipato alle scorse edizioni del torneo come giocatore, ha deciso di mettersi in gioco e di mettere a disposizione la propria esperienza nel ruolo di allenatore della squadra.

Il Liceo Majorana-Corner

Il Liceo Majorana-Corner prende il nome da due grandi personaggi della cultura italiana, Ettore Majorana e Elena Lucrezia Corner: il primo, grande fisico italiano di inizio ‘900, diede un enorme contributo allo sviluppo della fisica moderna, nonostante la misteriosa scomparsa alla giovane età di 32 anni; la seconda, proveniente da una famiglia patrizia veneziana, fu la prima laureata donna del mondo, conoscitrice di 5 lingue e studiosa in campo filosofico e teologico.
Queste due figure ben riassumono la coesistenza armonica tra lo studio scientifico e lo studio umanistico nel nostro liceo, che offre 4 diverse sezioni: liceo classico, scientifico, linguistico e scienze applicate.
In tutto al suo interno convivono studenti, divisi in sezioni per il classico, per lo scientifico, per il linguistico e per scienze applicate.
Gli studenti hanno la possibilità di usufruire delle molte strutture della scuola e di partecipare a diversi progetti pomeridiani sportivi, come i tornei di calcio a 5 e pallavolo, e non, come il giornalino Elena&Ettore o il concorso di poesia Alda Merini.
Il nostro istituto non ha ancora vinto nessun premio nelle scorse edizioni della Reyer School Cup, ma ha intenzione di fare del proprio meglio per puntare ad una buona posizione in classifica.
Quindi, mancano pochi giorni alla partita: i nostri sono pronti, i tifosi sono carichi, che vinca il migliore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.