Il Bruno – Franchetti vince la Reyer School Cup 2016!

final four 4

In un Palasport Taliercio gremito di oltre 3000 studenti l’Istituto Bruno – Franchetti si conferma campione della Reyer School Cup! I ragazzi di coach Centenaro superano prima il Liceo Berto di Mogliano e poi l’Istituto 8 Marzo – K. Lorenz di Mirano nella ripetizione della finalissima della passata stagione. I veri vincitori però sono gli oltre 3ooo studenti che hanno riempito il Palasport Taliercio in un evento storico per un torneo di pallacanestro scolastico. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato a questa meravigliosa mattinata di sport e scuola! La Reyer School Cup siete tutti voi!

Awards Reyer School Cup

Campione: Istituto Bruno-Franchetti di Mestre

Vice Campione: Istituto 8 Marzo – K. Lorenz di Mirano

Mvp: Michele Antelli (Istituto Bruno-Franchetti di Mestre)

Miglior Marcatore Premio Gazzettino: Martino Criconia (Istituto 8 Marzo – K. Lorenz di Mirano)

Premio Speciale Venpa Comunicazione: Istituto 8 Marzo – K. Lorenz di Mirano

Premio Miglior Tifoseria: Liceo Giorgione di Castelfranco Veneto

Premio FIP Fai Play: Istituto Galilei di Selvazzano Dentro

Miglior Arbitro: Stefano Cardazzo (Liceo Stefanini di Mestre)

Video: la Final Four in un minuto!

Fotogallery 1

Clicca sulle immagini per accedere alla Fotogallery

bruno campione

presentazione

coreografia

fuori

Fotogallery 2

festa bruno franchetti

tifo 8 marzo

palla a due

Recap

Bruno Franchetti-Berto 32-27 (20-17)

Istituto Bruno Franchetti di Mestre: Bandiziol 6, Pellizer 2, De Eccher 3, Tagliapietra, Carrer, Bettio, Mantovani, Ciaramella 11, Perini, Antelli 7, Lazzarin 3, Camporese. All. Centenaro.

Liceo Berto di Mogliano: Iannantuoni 2, Rossato 3, Pagotto, Tagliapietra, Bedin 2, Codato 6, Sperti 3, Grosso, Tessarin (1998), Tessarin (1999) 6, Birello 5, Bon. All. Massagli.

Arbitri: Vitale-Cardazzo.

Al termine di una semifinale tiratissima, i campioni in carica del Bruno Franchetti piegano la resistenza degli esordienti del Berto e guadagnano la finale della Reyer School Cup 2016.

Le squadre inizialmente faticano a trovare la via del canestro, con il punteggio che si sblocca con il 2/2 dalla lunetta di Ciaramella dopo 1’25”, a cui risponde Bedin. La gara resta in equilibrio con il canestro di Pellizer, la tripla di Tessarin e il gioco da tre punti non completato da Antelli. Il primo tentativo di allungo è del Berto: appoggiando il gioco su Birello, il centro di Mogliano porta il Berto sul 6-9 al 3’48”, con De Eccher che impatta con una bomba dall’angolo al termine di un’azione ben costruita dal Bruno Franchetti. Ancora Birello, con un 1/2 dalla lunetta, e un canestro da tre punti di Codato determinano il nuovo massimo vantaggio per il Berto sul 9-13 al 6’30”. Un break di 5-0 per i campioni in carica, firmato da Lazzarin (da 3) e Ciaramella vale il sorpasso sul 14-13 al 7’14”, con coach Centenaro che chiama comunque time out. Nel finale di tempo, a bonus spesi, si va molto in lunetta: Sperti fa 1/2, Ciaramella 2/2, Grosso 0/2, Bandiziol 1/2 e si entra così nell’ultimo minuto sul 17-14, con Rossato che impatta nuovamente da tre punti a -41”. Nel finale, emerge Antelli con un 1/2 dalla lunetta e il canestro a fil di sirena che vale il 20-17 all’intervallo.

Il secondo tempo si apre con il canestro di Iannantuoni per il 20-19, anche se poi emerge la maggior fisicità del Bruno Franchetti, che infila un break di 7-0 con la schiacciata di Antelli dopo una palla rubata in pressing, un fortunoso canestro di Bandiziol e il gioco da tre punti di Ciaramella che, sul 27-19, costringe la panchina del Berto a chiamare time out al 13’07”. I moglianesi si schierano a zona e si riavvicinano con la tripla di Tessarin, a cui risponde, sempre oltre i 6,75, Bandiziol. Le squadre iniziano a sentire la stanchezza, accontentandosi di tirare dalla distanza, anche se con scarsa precisione. Al Berto bastano così l’1/2 dalla lunetta di Codato e i canestri di Sperti e Birello per rientrare in partita sul 30-27 al 18′. Dopo uno 0/2 dalla lunetta di Tagliapietra, seguito da rimbalzo offensivo e palla persa, il Bruno Franchetti chiede time out a -1’28”. Il Berto è costretto a prendere un tiro allo scadere dei 24” e lo sbaglia, poi anche il Bruno Franchetti perde palla in attacco, con la panchina del Berto che chiama a sua volta time out a -46”. A -28” Sperti fallisce una tripla da 8 metri, con il Berto costretto a spendere rapidamente due falli per mandare in lunetta gli avversari: a – 7”, però, la mano di Ciaramella non trema e il 2/2 chiude i conti.

final four 5

8 Marzo Lorenz-Galilei 39-29 (19-13)

Istituto 8 Marzo Konrad Lorenz di Mirano: Boem 2, Groppi 14, Criconia 2, Boldini 2, Nalesso 2, Gambato 3, Stevanato 1, Pigozzo 2, Pedenzini 7, Luise 2, Birello 2, Demori. All. Moschetta.

Liceo Galilei di San Donà: Almacolle 9, Ferretti, Carraretto, Gaiotto, Lorenzon 4, Ostan 6, Granzotto, Bergamo, Zoccoletto 4, Fantin 6. All. Galazzo.

Arbitri: Cardazzo-Stinà.

La finale della Reyer School Cup 2016 sarà la rivincita del 2015: dopo il Bruno Franchetti, anche l’8 Marzo Lorenz si aggiudica infatti la propria semifinale, allungando nei minuti conclusivi su un combattivo Galilei.

A partire meglio è infatti proprio il Galilei, che trova due canestri con Lorenzon e Almacolle, prima che Criconia sblocchi l’8 Marzo Lorenz dopo 2′. I vicecampioni in carica faticano non poco in attacco, pur facendo spendere falli agli avversari, che intanto vanno sul 2-6 al 3’40” con Zoccoletto. Pedenzini fa 1/2 dalla lunetta, poi è Groppi, su una palla rubata a centrocampo, a proiettarsi in contropiede per il gioco da tre punti che, intervallato da un time out del Galilei, vale il 6-6 a metà tempo. Di nuovo Groppi, sempre in contropiede, dà il primo vantaggio ai miranesi (8-6) al 5’14”, anche se una tripla di Ostan e un contropiede di Fantin riportano avanti i sandonatesi sull’8-11 al 6’27”, con la pronta risposta di Birello per il 10-11. Una bella azione personale di Fantin apre gli ultimi 2′ sul 10-13, con Groppi che, sfruttando il bonus speso dagli avversari, va due volte di fila in lunetta, con un complessivo 3/4 che vale il pareggio all’8’26” (13-13), con un break finale di 9-0 dell’8 Marzo (firmato da Boem, Boldini e Gambato) che porta le squadre all’intervallo sul 19-13.

L’inerzia prosegue anche dopo l’intervallo. Luise apre le danze con il canestro del 21-13, seguito da una stoppata. A scuotere il Galilei è una tripla di Almacolle, con Fantin che riporta i sandonatesi a un solo possesso di distanza (21-18) all’11’36”. Una serie di rimbalzi offensivi consecutivi permettono all’8 Marzo prima di portare gli avversari al bonus dopo meno di 3′, poi di allungare nuovamente (con un 1/2 dalla lunetta e un canestro, entrambi di Pedenzini), costringendo la panchina del Galilei a chiamare time out al 13’34” sul 24-18. La squadra di coach Galazzo ne esce bene, con la tripla di Ostan, a cui risponde subito Pigozzo. Il Galilei si affida al tiro pesante, con scarsa precisione e, nonostante una serie di rimbalzi offensivi, non riesce così a riavvicinarsi. Dopo due minuti di attacchi con le polveri bagnate, il punteggio torna a muoversi grazie a Groppi, che raggiunge la doppia cifra al 16’16” (28-21). Zoccoletto e Lorenzon riaprono il match sul 28-25 al 17’28” (28-25), con i canestri seguiti da quelli di Pedenzini (bell’assist di Nalesso) da una parte e Almacolle dall’altra. Si entra negli ultimi 80” di gioco sul 30-27 con la regola del possesso alternato che premia l’8 Marzo Lorenz su una tripla di Pedenzini che si incastra tra ferro e tabellone con 7” sul cronometro dell’azione. E’ ancora Groppi a trovare il canestro che, dopo l’errore di Ostan da tre punti, permette ai vicecampioni in carica di arrivare al finale sul 32-27, arrotondando dalla lunetta (grazie anche ai mancati tagliafuori difensivi sugli errori) con Gambato (1/2) e Pedenzini (1/2), con Nalesso che sfiora poi il gioco da tre punti (canestro ma 0/1). L’ultimo canestro del Galilei è di Almacolle, con Groppi (2/2) e Stevanato (1/2) che fissano, sempre con i tiri liberi, il finale sul 39-29.

final four 3

Cus Venezia-Cus Padova 27-26 (14-7)

Cus Venezia: Coppo 5, Manzini 4, Ortoman, Donazzon, De Maio, Franzin 3, Primo, Falane, Pacchioli 5, Migliori, Fior 8, Pellegrinon 2. All. Lasorella.

Cus Padova: Pagnin 4, Tridente 9, Giacomazzi, Vendraminelli, Soramel 2, Diop, Salandini, Velco 4, Dal Magro 6, Tortato 1. All. Salmaso.

Arbitri: Cardazzo-Stinà

Un incredibile canestro di Franzin da tre punti, con fallo subito (e tiro libero volutamente sbagliato), a 44 centesimi dalla sirena regala alla squadra delle università veneziane (Ca’ Foscari e Iuav) la vittoria nella prima sfida tra atenei organizzata in occasione della Final Four della Reyer School Cup.

A mostrarsi inizialmente più precisa degli avversari è la squadra di coach Lasorella e del dirigente Zanotto, con Fior che sigla il 4-0, a cui risponde, dopo un time out, l’università di Padova, che trova rapidamente un tiro libero con Dal Magro e la seguente tripla di Tridente. Dal 4-4 del 4′, il Cus Padova però si blocca: Venezia vola fino all’11-4 all’8′ e Padova limita i danni solo nell’ultimo minuto.

Il Cus Venezia apre la ripresa con due tiri liberi di Pacchioli per il 16-7, ma Padova pian piano si ritrova, rimontando punto su punto e, dopo aver fallito per tre volte nella stessa azione il canestro del sorpasso con Velco sul 20-19 al 16′, trova al 18′, con la tripla di Dal Magro, il primo vantaggio del match sul 22-24. Fior impatta a -16”, Tridente, dalla lunetta, riporta avanti Padova a 5” dalla fine. Poi il finale mozzafiato.

final four 2

Bruno Franchetti-8 Marzo Konrad Lorenz 33-26 (11-15)

Istituto Bruno Franchetti di Mestre: Bandiziol, Pellizer 2, De Eccher 2, Tagliapietra, Carrer 3, Bettio ne, Mantovani 3, Ciaramella 7, Perini, Antelli 8, Lazzarin 8, Camporese ne. All. Centenaro.

Istituto 8 Marzo Konrad Lorenz di Mirano: Boem, Groppi 2, Criconia 6, Boldini, Nalesso 15, Gambato, Stevanato, Pigozzo, Pedenzini, Luise, Birello 3, Demori. All. Moschetta.

Arbitri: Vianello F.,Vianello M., Maniero.

L’istituto Bruno Franchetti di Mestre si conferma campione della Reyer School Cup, bissando nella finalissima la vittoria del 2015 sull’8 Marzo Konrad Lorenz di Mirano, 33-26.

Parte meglio il Bruno Franchetti, con il 4-0 di Ciaramella e Antelli, a cui rispondono Criconia e Nalesso. Lazzarin spende subito due falli, sostituito da Pellizer, con De Eccher che fa 0/2 dalla lunetta sul fallo di Gambato (autore subito prima di una spettacolare stoppata). Il botta e risposta Antelli-Criconia dà il 6-6 dopo 3′. I campioni in carica provano l’allungo con la tripla di Carrer, ma è Nalesso, in una fase contrassegnata da diversi errori su entrambi i fronti, a imprimere la prima piccola svolta, con un 2/2 dalla lunetta, seguito da una bomba, con Criconia che dà il +4 all’ 8 Marzo Konrad Lorenz, subito dopo metà tempo, con il 2/2 nei liberi per il secondo fallo, in attacco di De Eccher. Il seguente canestro di Pellizer vale l’11-13 che rimane fisso sul tabellone per quasi 3′, con ancora il solo Nalesso a segno negli ultimi 2′, per l’11-15 all’intervallo.

Il secondo tempo si apre con un botta e risposta da tre punti Ciaramella-Birello. Coach Moschetta dà spazio sul parquet a tutti gli effettivi della panchina e il Bruno Franchetti ne approfitta per raggiungere la parità a quota 18 al 12′ con due canestri di Antelli, con i miranesi che ripropongono il quintetto iniziale, con quattro cambi contemporanei, al 13’16”. E’ un momento di canestri di elevata fattura: di Ciaramella, Nalesso da tre punti, Lazzarin (da otto metri allo scadere dei 24”); e, ancora, un’accelerazione di potenza di Nalesso e un canestro rovesciato di De Eccher portano la partita al giro di boa sul 25-23. Arriva a questo punto il break decisivo, firmato da Lazzarin con cinque punti in 30” che valgono il 30-23. Il time out chiamato dalla panchina dell’8 Marzo Konrad Lorenz permette ai miranesi di riavvicinarsi sul 30-26, al 17’17”, grazie a Groppi e all’1/2 dall lunetta di Nalesso. Affidandosi poi troppo al tiro pesante, i vicecampioni non proseguono però l’inerzia e, a 57” dalla sirena, una tripla di Mantovani chiude i conti sul 33-26.

bruno franchetti school cup

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.