Il roster



[table “” not found /]


    Si parte: a voi il servizio del TGR Veneto

    Nell’edizione di oggi del TGR Veneto andata in onda alle 14.00 è stata presentata la SAVE Reyer School Cup 2019.

    Qui di seguito il link:
    https://www.rainews.it/…/ven-A-Mestre-presentata-la-sesta-e…

    Noi siamo pronti….e voi?

    Presentata la Save Reyer School Cup 2019

    È con grandissimo entusiasmo e soddisfazione che presentiamo la sesta edizione della SAVE Reyer School Cup 2019, il torneo di pallacanestro 5vs5 tra gli istituti scolastici superiori del nostro territorio. Il punto da cui ripartiamo è ancora una volta l’energia degli oltre 3.000 studenti che hanno riempito il Taliercio in occasione delle Final Four della passata edizione: una mattinata di aggregazione, sport e spettacolo che è stata il culmine di un’edizione sempre più appassionante e costruttiva.

    Grazie alle emozioni e alla voglia di partecipazione che si sono creati attorno alla Reyer School Cup, il Torneo continua ad allargare i suoi confini geografici a 18 località: le novità della nuova edizione sono il coinvolgimento di istituti di Treviso e Piove di Sacco.

    Il proposito iniziale, fin dall’origine del torneo, è proprio quello di aggregare tutti gli studenti degli istituti superiori dell’area metropolitana allargata, attraverso un legame basato non solo sull’evento sportivo strettamente inteso, ma che vada ben oltre la disputa delle singole partite.

    In ogni tappa delle passate edizioni non sono mancati, infatti, tifo, cori, coreografie, stacchetti musicali e ogni partita è stata raccontata da articoli, foto e video prodotti dagli studenti stessi. Grazie al contributo e al lavoro congiunto di dirigenti scolastici, professori e studenti il torneo ha potuto accrescere il suo valore sociale e dimensionale, sia dal punto di vista numerico che da quello emozionale.

    Alla SAVE Reyer School Cup 2019, che prenderà il via da Mogliano il 31 gennaio e terminerà il 13 aprile (con le Final Four del Taliercio), partecipano infatti, con una squadra ciascuno, ben 48 istituti scolastici superiori. L’edizione del torneo confermerà dunque gli strepitosi numeri dell’ultimo torneo, coinvolgendo oltre 40.000 studenti, di cui 600 atleti, nei 95 incontri che decreteranno il vincitore della sesta edizione.

    Video

    Preview Final Four Volksbank Reyer School Cup

     

    Sabato 13 aprile al Palasport Taliercio andrà in scena l’atto finale del viaggio della Volksbank Reyer School Cup 2024: le Final Four della nona edizione del torneo scolastico Reyer.

    Si contendono il titolo: il Pacinotti di Mestre, campione in carica, il Parini di Mestre per la prima volta nelle Magiche Quattro, così come l’Algarotti di Venezia e il Morin di Mestre che ha vinto il trofeo nel 2019.

    Un torneo pazzesco con una narrazione travolgente per emozioni e colpi di scena. Tutto questo passando dalla pioggia, alla nebbia persino alla tormenta di neve nella splendida Falcade per poi chiudere, alle porte della primavera, con il sole che baciava i finestroni delle palestre.

    In questa edizione si sono giocate 107 partite totali, per 2146 minuti sul parquet, suddivise in una prima fase Qualification Round, composta da 14 tappe in cui hanno partecipato 56 istituti a contendersi il passaggio del turno, una seconda fase denominata RB Care Reyer Madness con 4 concentramenti che hanno definito, attraverso dei barrage combattutissimi, le 4 finaliste.

    Sono stati 8 gli istituti al debutto assoluto nel torneo: Leonardo Da Vinci di Portogruaro, Leopardi di Pordenone, Brocchi di Bassano del Grappa, Cestari-Righi di Chioggia, Rolando da Piazzola di Piazzola sul Brenta, H-Farm di Roncade, Scalcerle e Calvi di Padova e 2 istituti che sono rientrarti nella manifestazione: Meucci di Cittadella e Astori di Mogliano Veneto.

    Numeri impressionati che hanno coinvolto, a diversi livelli, oltre 46.000 studenti, tutto questo con una cornice di tifo meravigliosa in ogni tappa dove il torneo è passato.

    Le Final Four sono una festa di tifo, amicizia e aggregazione, un evento che riproduce l’atmosfera dei college NCAA e che vede i giovani studenti protagonisti di un’esperienza indimenticabile.

    Il Taliercio è SOLD OUT e tutte le Final Four saranno trasmesse in diretta sul Canale Youtube della Reyer Venezia.

    Programma Final Four 

    8:30 Prima semifinale: Algarotti di Venezia vs Pacinotti di Mestre
    9:30 Volksbank 3-Point Contest
    10:20 Seconda semifinale: Morin di Mestre vs Parini di Mestre
    11.:15 Dunk Contest Cosmo Gruppo
    12:20: Finalissima

     

     

    I premi

    Restando fedele alla propria natura di manifestazione inclusiva e orientata alla partecipazione totale, i vincitori della Volksbank Reyer School Cup non saranno eletti solo sul parquet. Sono infatti previsti Awards per tutte le categorie di attività in cui gli studenti saranno coinvolti: miglior comunicazione, miglior tifo, miglior team di cheerleading.

    Nel corso dell’evento, infatti, si esibiranno 23 gruppi di cheerleader degli istituti coinvolti nella Volksbank Reyer School Cup. Al termine dell’evento una giuria qualificata decreterà la miglior esibizione che sarà premiata all’intervallo della finalissima.

    Sono previsti anche premi individuali:

    IN’S Mercato MVP.
    Top scorer Shot di Bot Lighting.
    Dunk contest Cosmo Gruppo.
    Volksbank 3point contest (nel corso delle tappa si svolge la fase ad eliminazione mentre la finale è in programma alle Final Four).
    Miglior giovane Omega Gruppo.
    Migliori studenti/atleti. Premio Umana.
    MSC Fair play.
    Migliore arbitro/Migliore arbitro studente.
    Migliore coach.
    Miglior articolo Gazzettino.
    Migliore servizio video TGR Veneto.

    Inoltre, quest’anno è stato introdotto un ulteriore premio: il Cuore Orogranata della Volksbank Reyer School Cup. Questo speciale riconoscimento sarà dedicato a Riccardo Pastrello e Tobia De Eccher, due giovani veneziani che hanno disputato diverse edizioni della Reyer School Cup, vincendola, e che vogliamo ricordare.

     

    Le quattro contender

    Liceo Morin di Mestre

    Istituto Pacinotti di Mestre

    Istituto Parini di Mestre

    Istituto Algarotti di Venezia

     

    All’Algarotti la quarta tappa della School Cup – Il Gazzettino di Venezia

    Algarotti, ultima finalista – La Nuova Venezia

    L’Algarotti sbarca in terraferma e si qualifica per le Final 4!!

    RB CARE REYER MADNESS 4 MESTRE 

    L’ultimo pass per giocarsi la gloria alle Final Four del Taliercio, lo stacca l’Algarotti di Venezia che batte in finale l’Alberti di San Donà di Piave. L’Algarotti, quindi, raggiunge il Morin, il Pacinotti e il Parini.

     

    (Algarotti di Venezia 4ª Class. alle Final 4)

     

    Risultati

    8 Marzo vs Calvi Belluno: 48-33 (25-26)

    Da Vinci vs Vendramin-Corner: 39-61 (19-33)

    Alberti vs 8 Marzo: 46-38 (21-16)

    Vendramin-Corner vs Algarotti: 33-52 (15-30)

    Algarotti vs Alberti: 45-29 (23-20)

     

     

    1º Spareggio

    8 Marzo vs Calvi Belluno: 48-33 (25-26)

    8 Marzo: Pempo, Breda 22, Canova 11, Giotto 6, Signora 2, Favaretto, Boscolo, Florian 2, Zanetti, Nisato, Florian 5, Sacchetto.

    Calvi Belluno: Centelleghe, Acatrinei 4, Busetto 3, Da Canal, Guazzotti| 15, Objang Objang, Berra Berto 6, Turchetto, Dorigo 5.

    Il primo spareggio dell’ultima Madness va all’8’Marzo-Lorenz di Mirano che batte il Calvi di Belluno per 48-33. I ragazzi di Mirano dopo aver chiuso sotto di 3 lunghezze all’intervallo (20-23), dilagano nella ripresa con un secondo tempo da 28-10 guidati dai 22 punti di Davide Breda.
    Sfida equilibrata in avvio di partita, 6-7 al 3’ in favore del Calvi di Belluno. L’8 Marzo confeziona velocemente un parziale di 4-0 mettendo la testa avanti sul 10-7 a metà del primo tempo. La tripla di Guazzotti, il play del Calvi, e gli assalti al ferro di Berra Berto regalano il nuovo vantaggio ai bellunesi, 10-12 al 6’ che poco diventa 12-17 al 7’ ancora con Guazzotti scatenato da oltre l’arco. I ragazzi di Mirano reagiscono guidati dal talento offensivo di Breda e ritornano avanti sul 18-17 al 9’. Alla prima sirena la spunta però nuovamente il Calvi avanti sul 20-23 con la tripla di Dorigo e il 2+1 realizzato da Berra Berto.
    Botta e risposta Berra Berto da una parte, Breda dall’altra che pareggia sul 26-26 al 12’. Calvi ancora con Guazzotti e Breda che si fronteggiano e il match rimane in parità, 28-28 al 13’. L’8’ Marzo allunga sul 35-28 con Canova e Breda a dettare i ritmi, dalla parte opposta il Calvi con il solito Guazzotti non ci sta 35-31. Mirano alza di tanto l’intensità difensiva mentre in attacco Breda continua a fare male ai ragazzi di Belluno, 41-31 al 18’: è la spallata decisiva che indirizza la partita. Giotto, il regista dell’8 Marzo, manda i titoli di coda della partita con la tripla dal parcheggio del 46-33 al 19’. Risultato finale 48-33.

     

     

     

    2º Spareggio

    Da Vinci vs Vendramin-Corner: 39-61 (19-33)

    Da Vinci: Moretto 7, Scardellato, Brunello, Chiandotto 2, Brunzin, Bernard 16, Crosariol 3, Bernard, Barbuio 5, Gasparot, Ciganotto 5, Mazzuia 1.

    Vendramin-Corner: Pellegrinotti 2, Benvenuti 2, Bonora 10, Ferro 10, Pamio 3, Ferreri 4, Calzolari 10, Niero 1, Destro, Scalabrin 4, Schena, Poletto 15.

    Da Vinci di Portogruaro e Vendramin-Corner di Venezia danno vita una bella gara che viene vinta dai ragazzi veneziani in modo netto per 61-39 nonostante i tentativi ripetuti di rimanere in gara del team di Portogruaro.
    Da Vinci avanti 4-5 al 2’, sfida vibrante con il Vendramin che pigia sull’acceleratore 12-5 al 4’ con Matteo Bonora in evidenza. Portogruaro che si affida alle transizioni di Moretto 14-7, ma non basta per evitare l’energia dei veneziani che se ne vanno via in doppia cifra di vantaggio, 24-14 all’8’. Al tramonto del primo tempo Vedramin dominante sul +14, 33-19 grazie alle triple in sequenza di Calzolari e Poletto.
    Cinque punti in fila di Bernard, la guardia del Da Vinci, aprono il secondo tempo, 33-24 al 12’. Il team veneziano fatica a contenere il voglia e l’energia di Bernard, 37-29 al 13’. Ma subito dopo l’inerzia del match torna totalmente dalla parte dei ragazzi di Venezia: nove punti di fila, degli ultimi undici, sono siglati da Ferro il play del Vendramin 48-30 al 15’ e regalano l’allungo decisivo ai veneziani, che amministrano poi al meglio il netto divario. Finisce 61-39.

     

     

    1ª Semifinale

    Alberti vs 8 Marzo: 46-38 (21-16)

    Alberti: Scalco 8, Giust, Ferrazzo 3, Conte, Sari, Carretta 4, Mariuzzo, Cavallin 11, Moro 9, Trevisan, Vianello 6, Dontu 5.

    8 Marzo: Pempo, Breda 9, Canova 7, Giotto 7, Signora 6, Favaretto, Boscolo, Florian, Zanetti 5, Nisato 4, Florian, Sacchetto.

    In una sfida giocata punto a punto l’Alberti di San Donà di Piave supera l’8 Marzo-Lorenz di Mirano per 46-38 trascinata dagli 11 punti Gionata Cavallin, seguito dagli 8 e 6 assist di Davide Scalco. Dalla parte opposta non bastano i 9 di Davide Breda per evitare la sconfitta.
    L’Alberti di San Donà di Piave subito in fuga 5-0 nei primi 60 di gioco, la formazione allenata da Maria Luisa Sbrissa allunga ancora, 9-2 al 2’ con Scalco e Cavallin sugli scudi. L’8 Lorenz di Mirano però alza il muro difensivo e si avvicina all’avversario con le giocate offensive di Breda, 12-9 al 7’. All’intervallo 21-16 il punteggio e un match molto intenso e ben giocato dai due istituti.
    La tripla di Canova apre la ripresa e i ragazzi di Mirano sono a un solo possesso di distanza, 23-22 all’12’. La bomba di Dontu ridà ossigeno all’Alberti, 26-22 al 13’. La partita è equilibrata, dalla lunetta Breda e poi il piazzato si Scalco fissano il punteggio a metà del secondo tempo sul 30-28. Sorpasso Mirano con la bomba frontale di Nisato, 30-31 che diventa 34-31 al 16’ con un gioco da quattro punti di Cavallin. L’Aberti prova a scappare via affidandosi agli assalti al ferro di Scalco 38-31 al 17’, replica dal perimetro con Morello del team di Mirano, 38-34 al 18’. Viaggio in lunetta di Breda per l’8 Marzo che sbaglia 4 liberi consecutivi, mentre l’Aberti vola via sul 41 34 a 1’26” dal termine sull’asse vincente Scalco-Cavallin, risponde Giotto dalla lunga distanza 41-37 a 50” dalla chiusura di una gara avvincente. Gli ultimi canestri li mette Vianello dell’Alberti che si fa largo sotto i tabelloni e la formazione di San Donà mantiene il vantaggio fino alla sirena di fine gara: 46-38 il finale.

     

     

    2ª Semifinale

    Vendramin-Corner vs Algarotti: 33-52 (15-30)

    Vendramin-Corner: Pellegrinotti, Benvenuti, Bonora 12, Ferro 9, Pamio, Ferreri 4, Calzolari, Niero 4, Destro, Scalabrin, Schena, Poletto 4.

    Algarotti: Lanza 3, Marin 9, Bettera 10, Vanin, Trestini 3, Trevisan, Vianello 8, Modenese 6, Ogbeide 5, Sabato 3, Mondin 5, Terzariol.

    Derby veneziano accesissimo tra Vendramin-Corner e Algarotti che alla fine vede trionfare la squadra di Cannaregio (Algarotti) su quella di Casteo (Vendramin) con il risultato di 52-33. Un successo di squadra con Jacopo Bettera, la guardia dell’Algarotti, top scorer con 10 punti.
    Punteggio basso a inizio gara, 2-2 al 3’. Algarotti che scappa via 4-10 con la tripla di Marin e i liberi di Modenese. Appena superata la metà del primo tempo Algarotti avanti 5-12 e timeout Vendramin. Ferro e Bonora, i due esterni del Vendramin, tengono in linea di galleggiamento la propria squadra, 9-14 al 6’, ma appena dopo arrivano due transizioni offensive vincenti dei ragazzi dell’Algarotti che valgono un parziale di 4-0, 9-18 al 7’. Una serie infinita di viaggi in lunetta dell’Algarotti, con Marin e compagni, vanno a determinare i liberi che regalano un ampio vantaggio alla squadra di Cannaregio, 13-30 alla sirena del primo tempo.
    Il Vendramin ci prova subito nella ripresa, 6-0 il parziale della formazione di Casteo, 19-30 al 12’. L’Algarotti però trova il modo di allungare ancora, 19-34 al 13’ con un bel contropiede prepotente di Ogbeide e poi Modenese appoggia al vetro i due punti, del 21-38 al 14’ che chiudono del tutto le speranze dei ragazzi del Vendramin di rientrare nel match. Nel finale della sfida l’Algarotti tiene senza il minimo affanno le scorribande del Vendramin e il vantaggio chiudendo con il punteggio di 33-52.

     

     

     

     

    FINALE

    Algarotti vs Alberti: 45-29 (23-20)

    Algarotti: Lanza 2, Marin 4, Bettera 5, Vanin, Trestini 10, Trevisan, Vianello, Modenese 15, Ogbeide 9, Sabato, Mondin, Terzariol.

    Alberti: Scalco 6, Giust, Ferrazzo 6, Conte, Sari, Carretta, Mariuzzo, Cavallin 5, Moro 4, Trevisan, Vianello 2, Dontu 6.

    Una finale entusiasmante, con il pubblico delle grandi occasioni come cornice straordinaria, che al termine vede trionfare l’Algarotti di Venezia abile a battere l’Alberti di San Donà di Piave per 45-29. Un successo che vale il quarto pass per le Final Four del Taliercio che si giocheranno sabato 13 aprile. La gara si decide nella ripresa quando i veneziani piazzano una ripresa da 22-9 che non lascia scampo agli avversari.
    Si parte con un 4-0 deciso dell’Alberti di San Donà di Piave, la reazione dell’Algarotti tarda ad arrivare, i liberi di Modenese valgono il 4-3 al 3’. Il gioco con il lunghi che si aprono e sparano da tre per il team di San Donà funziona, 7-4 con Dontu, ma Modenese è l’anima dei veneziani e ricuce lo strappo: superata la metà del primo tempo, perfetta parità sul pari 10 con i liberi di Triestini dell’Algarotti. Alla prima sirena la forza fisica di Prince Ogbeide, il lungo dell’Algarotti, fa la differenza e l’istituto di Venezia passa avanti e all’intervallo conduce 20-23. A inizio ripresa si fatica a segnare merito soprattutto delle difese, 24-29 al 14’ ancora con un incontenibile Ogbeide che diventa appena dopo 24-31 e immediato timeout dell’Alberti. Modenese infila la bomba frontale per la doppia cifra di vantaggio, 24-34 al 15’. I liberi di Francesco Triestini portano al massimo vantaggio veneziano, 24-37 al 16’. L’Algarotti comanda le operazioni fino al termine della gara toccando anche il +17 (24-41) al 18’. Il punteggio finale è di 29-45.

     

     

    LAST STOP: sabato 13 aprile, ultima corsa, al Talierico si giocheranno le Final Four; a contendersi il titolo della nona edizione della Volksbank Reyer School Cup ci saranno: il Morin di Mestre, il Pacinotti di Mestre, il Parini di Mestre e l’Algarotti di Venezia.

    Gli accoppiamenti:
    Morin vs Parini
    Pacinotti vs Algarotti

    A caccia dell’ultima finalista – Il Gazzettino di Venezia

    Preview RB Care Reyer Madness 4 Oro – Mestre

    Venerdì 22 marzo si torna in campo per quarta ed ultima RB Care Reyer Madness che decreterà in modo definitivo il quadro del tabellone delle Final Four del Taliercio. Sono già tre le squadre che hanno staccato il pass per l’atto finale che si giocherà sabato 13 aprile: l’istituto Morin, gli attuali campioni in carica dell’istituto Pacinotti e l’istituto Parini (tutti e tre di Mestre).

    Il campo di gioco è nuovamente il caldissimo Palasport Davide Ancilotto di Mestre con la prima palla a due alle ore 9.
    A sfidarsi nel primo spareggio ci saranno i ragazzi dell’8 Marzo-Lorenz di Mirano contro il Calvi di Belluno. La vincente si scontrerà con l’istituto Alberti di San Donà di Piave. Il secondo barrage vede affrontarsi il Vendramin-Corner di Venezia contro il Da Vinci di Portogruaro con l’Algarotti di Venezia che aspetta in semifinale una delle due.

    IL TABELLONE

    Gara 1: 09:00 8 Marzo-Lorenz Mirano vs Calvi Belluno

    Gara 2: 09:50 Vendramin-Corner Venezia vs Da Vinci Portogruaro

    Gara 3: 10:40 Alberti San Donà vs Vincente Gara 1

    Gara 4: 11:30 Algarotti Venezia vs Vincente Gara 2

    Gara 5: 12:20 Vincente Gara 3 vs Vincente Gara

     

    8 Marzo – Lorenz Mirano

     

    Calvi Belluno

     

    Vendramin – Corner Venezia

     

    Da Vinci Portogruaro

     

    Alberti San Donà di Piave

     

    Algarotti Venezia

    Il Parini di Mestre vola alla Final Four – Il Gazzettino di Venezia

    Il Parini va alla Final Four – La Nuova Venezia

    Il Parini sul velluto si qualifica per la prima volta alle Final 4!!

    RB CARE REYER MADNESS 3 PADOVA 

    La Volksbank Reyer School Cup, al terzo appuntamento delle stratosferiche Madness, ha riservato altre incredibili emozioni e sfide bellissime. Si è tornato a giocare sul campo caldissimo dell’istituto Agrario Duca degli Abruzzi di Padova, il torneo era già passato su questo parquet per la nona tappa. Un pubblico in modalità bolgia ha spinto le squadre, ma alla fine a trionfare il Parini di Mestre che domina la Madness 3 e stacca con il pass per le Final Four del Taliercio e si aggiunge ad altri due istituti di Mestre come il Morin e il Pacinotti.

     

    (Parini di Mestre 3ª Class. alle Final 4)

     

    Risultati

    Duca degli Abruzzi vs Giorgione: 36-28 (14-22)

    Stefanini vs Martini: 40-21 (22-7)

    Parini vs Duca degli Abruzzi: 42-24 (25-12)

    Stefanini vs Ippolito Nievo: 40-43 (17-14)

    Parini vs Ippolito Nievo: 45-26 (28-13)

     

     

    1º Spareggio

    Duca degli Abruzzi vs Giorgione: 36-28 (14-22)

    Duca degli Abruzzi: Agostini, Busatta 5, Ottoboni, Checchinats, Cazzani, Beggiato, Franceschi 4, Sorgato 2, Dia 15, Sech 10.

    Giorgione: Poloniato, Seregni 2, Pietrobon 3, Torres, Scappinello 2, Agnolin, Rossi 8, Vitali, Sartor, Vezzi, Carlon 6, Sbrissa 7.

    Il primo spareggio se lo aggiudica il Duca degli Abruzzi di Padova che dopo una clamorosa rimonta piega il Giorgione di Castelfranco Veneto. Padroni di casa sotto 8 punti (14-22) all’intervallo, piazzano una ripresa clamorosa grazie a un parziale devastante di 22-6 che non lascia scampo alla formazione ospite. 36-28 il finale.
    Il Duca degli Abruzzi di Padova subisce immediatamente l’aggressività del Giorgione di Castelfranco Veneto, 4-8 al 2’, i padroni di casa si affidano allora alla fisicità di Dia per provare a ricucire lo strappo iniziale ma serve a poco, 6-11 al 4’ in favore dei trevigiani grazie alle triple di Carlon e Pietrobon. A metà del primo tempo i padovani si avvicinano, il tabellone recita 11-12 con Dia ancora protagonista. Carlon continua a fare male dal perimetro e insieme a Poloniato e gli ospiti allungano sul 11-17 al 6’. I ragazzi di Castelfranco stringono le maglie in difesa trovando buone soluzioni in attacco e in questo modo arriva il massimo vantaggio della gara, 11-20 all’8’. Al tramonto del primo tempo, 14-22 il punteggio.
    A inizio ripresa il Duca prova a rientrare in un match complicato, nel roster dei padroni di casa pesano le assenze di Beccarin, Stevanin e Riccardo Beggiato, i primi punti della ripresa arrivano al 12’ grazie ai liberi di Franceschi e poi con la strapotenza fisica di Dia il team di Padova si avvicina a un solo possesso, 22-25 al 13’ e poi ancora insacca anche il -1. La formazione di casa per tre volte ha il pallone del sorpasso e alla fine Dia trova il primo vantaggio del match, 26-25 al 15’: pronto timeout del Giorgione. Un Duca scatenato spinto dal pubblico di casa allunga sull’asse SorgatoDia, 30-25 al 17’. Dopo quasi 5 minuti di gioco senza segnare il Giorgione mette un libero a referto, 30-26 al 18’, ma dalla parte opposta prima Dia e poi la bomba di tabella dichiarata di Busatta manda i titoli di coda di una bellissima partita, 35-26 al 19’. Vince i Duca degli Abruzzi sul Giorgione con il punteggio di 36-28.

     

     

     

    2º Spareggio

    Stefanini vs Martini: 40-21 (22-7)

    Stefanini: Favaretto 22, De Stefani 3, Surdu, Denurchis, Siviero 2, Dalla Libera, Kazadi 4, Sbrogiò, Zara, Scaggiante 3, Marini 4, Marella 2.

    Martini: Fraccaro 5, Reginato, Cinel 2, Pasinato, Scremin, Tognon 4, Trentin, Stoica, Dambroso 2, Pellizzon, Garbui, Rubin 8.

    Lo Stefanini di Mestre fa prova di forza battendo nettamente il Martini guidato dal talento offensivo di Filippo Favaretto autore di 22 punti. La partita viene indirizzata dopo i primi 3 minuti di gioco con la compagine mestrina che realizza un 12-0 iniziale che stende la formazione di Castelfranco.
    Aprono la sfida i due punti di Marini seguiti da quelli di Favaretto, 4-0 dopo meno di un minuto di gioco, Stefanini avanti con la faccia di chi vuol mettere subito le cose in chiaro. La squadra di Mestre dilaga, 12-0 al 3’ con il contropiede di Kazadi e quello di Favaretto. Il Martini si sblocca grazie al piazzato di Dambroso, ma non c’è storia perché il play mestrino Filippo Favaretto, in forza alla Castellana, mostra tutto il suo talento, 16-2 al 5’. Il divario aumenta con due bombe consecutive del solito Favaretto, 22-4 al 7’. Dopo 10 minuti di gioco, dominati dallo Stefanini, il punteggio all’intervallo è di 22-7. Nella ripresa la squadra di Mestre amministra il vantaggio, lasciando a riposo i suoi due giocatori di maggior talento, ossia Favaretto e Marini. L’istituto Martini di Castelfranco prova ad avvicinarsi, 23-11 al 12’. Dopo un timeout chiamato dallo Stefanini, rientrano in campo Favaretto che in un amen piazza altre due triple, 16-31 al 14’. I ragazzi di Mestre toccano nel finale di gara il massimo vantaggio e trionfano vincendo 40-21.

     

     

    1ª Semifinale

    Parini vs Duca degli Abruzzi: 42-24 (25-12)

    Parini: Nalin, Natale 7, Zanotti, Buonvino, Martellani 9, Lovigi, Iannuzzi 15, Baldan 1, Eramo 4, Nason 3, Bianco

    Duca degli Abruzzi: Agostini, Busatta, Ottoboni, Checchinats, Cazzani 2, Beggiato 1, Franceschi, Sorgato 5, Dia 11, Sech 5.

    Il Parini di Mestre batte ampiamente, grazie al suo enorme talento, il Duca degli Abruzzi di Padova che mette tanto cuore e grinta ma non basta per evitare la sconfitta. I padroni di casa escono a testa altissima dal torneo, mentre i mestrini proseguono il loro cammino. 42-24 il finale.
    Parini parte con le marce alte confezionando un 6-0 grazie a due triple di Iannuzzi. Il Duca degli Abruzzi però reagisce mettendoci cuore e grinta, 6-3 al 2’. Natale, dall’altro fronte, manda a bersaglio la bomba del 9-3. I padovani allora si affidano, come di consueto, al proprio lungo Dia che carica di falli Natale e compagni, 6-9 al 4’, lo stesso Dia, poco dopo, oscura la vallata con una stoppata stratosferica come quelle di Brooks e Tucker rifilate rispettivamente a Mirotic e Voigtmann nel match di domenica scorsa tra Reyer e Olimpia. Il Parini gioca sul velluto con Iannuzzi e Natale, 17-7 al 7’, ma non ha fatti i conti con un Duca encomiabile per volontà 19-12 al 9’. All’intervallo, grazie ai tanti viaggi in lunetta, il Parini chiude avanti 25-12, l’ultimo canestro sulla sirena, segnato dalla lunga distanza, lo insacca Iannuzzi. Il Duca degli Abruzzi ci prova in tutti i modi a rientrare ma il talento del Parini è maggiore degli avversari, 28-14 al 12’. I ragazzi di Mestre controllano con sicurezza il vantaggio, 29-19 al 15’. Il Parini chiude definitivamente i conti con il Duca grazie a sei punti in fila di Kyle Martellani, 39-19 al 17’. Risultato finale, 42-24.

     

     

    2ª Semifinale

    Stefanini vs Ippolito Nievo: 40-43 (17-14)

    Stefanini: Favaretto 18, De Stefani 2, Surdu, Denurchis, Siviero 3, Dalla Libera, Kazadi 4, Sbrogiò, Zara, Scaggiante, Marini 7, Marella 6.

    Ippolito Nievo: Bucchini 5, Callegari, Baroni, Vernizzi 2, Cecere, Marchet 29, Boni 5, Strazzabosc, Varotto 2, Rho, Giacomin, Pellegrini.

    Nievo di Padova e Stefanini di Mestre danno vita a una sfida intensissima che alla fine vede prevalere d misura e solo negli ultimi secondi di gara i padovani con il risultato di 43-40. È Isacco Marchet del Nievo il grande protagonista della vittoria del suo istituto autore di 29 punti e una prestazione sublime.
    La partenza è tutta in favore dello Stefanini in un match dai ritmi forsennati, 0-6 al 2’ con Marini al comando delle operazioni. Il Nievo però non ci sta e Marchet ricuce lo strappo, 3-6 al 4’. I padovani, con il loro gioco in transizione, condotti dal loro play Bucchini, si avvicinano a una sola lunghezza dagli avversari, 8-9 al 6’. Lo Stefanini riallunga ancora guidata da Kazadi, 8-13 all’8’ di gioco e alla fine del primo tempo mantiene un esiguo vantaggio sul 14-17 con i canestri finale di Marchet da una parte e Favaretto dall’altra. Nel secondo tempo il Nievo trova subito il pareggio, 18-18 dopo 1’20” di gioco: per i padovani è Marchet il leader offensivo, il possesso successivo arriva il primo sorpasso dei ragazzi del Nievo, 21-18. Non è finita perché Marchet trova altri otto punti di fila, 29-19 al 13’, un parziale di 12-2 davvero pensante per lo Stefanini che però non si rassegna e, in un amen, con bomba di Marella e due lay-up in fila di Favaretto, rientra totalmente in partita, 31-28 al 15’. Entriamo negli ultimi 200 secondi di gioco, 35-28 con i liberi segnati da un clamoroso Marchet. Due triple di Marini valgono il -2 Stefanini, 38-36 a 1’53 dalla fine. La partita è vibrante e ci si gioca tutto nel finale 40-38 il punteggio a 12 secondi dalla sirena e timeout Stefanini. Palla ai ragazzi di Mestre, Favaretto segna in modo glaciale due liberi, 40-40 a 8”dalla fine, Marchet subisce fallo a 2” da termine; segna il primo libero poi però viene sanzionato un fallo tecnico a Bucchini del Nievo per proteste, ma lo Stefanini sbaglia il libero e poi Ancora Marchet dalla lunetta chiude i conti con due liberi sul 43-40.

     

     

     

     

     

    FINALE

    Parini vs Ippolito Nievo: 45-26 (28-13)

    Parini: Nalin 3, Natale 6, Zanotti 1, Buonvino, Martellani 9, Lovigi, Iannuzzi 21, Baldan, Eramo 5, Nason, Bianco.

    Ippolito Nievo: Bucchini, Callegari 2, Baroni, Vernizzi, Cecere, Marchet 6, Boni 9, Strazzabosc0 4, Varotton 5, Rho, Giacomin, Pellegrini.

    Nella finale tra Parini di Mestre e Nievo di Padova non c’è storia con l’istituto mestrino che stravince per 45-26 la sfida e così, dopo Morin e Pacinotti, è il terzo team a staccare il pass per le Final Four del Taliercio di sabato 13 aprile.
    Parini mette velocemente le cose in chiaro, 4-0 in avvio siglato da Natale e Eramo, la risposta del Nievo arriva da Marchet e Boni, 6-4 al 3’. Martellani, del Parini, segna cinque punti consecutivi e consente all’istituto mestrino di scappare via senza voltarsi più indietro, 15-6 al 7’. Il divario aumenta con il canestro in appoggio al vetro di Natale, 10-22 all’8’. La bomba frontale di Iannuzzi manda già i titoli di coda di un match senza storia, 28-13 all’intervallo. Nella ripresa, con i giochi che sono ampiamente conclusi, il Parini si ferma un attimo, 30-17 al 12’ con una super stoppata di Marchet che inchioda Eramo nei pressi del ferro. Appena dopo metà secondo tempo il Parini sempre nettamente avanti nel punteggio, 36-19 grazie ai liberi dell’ottimo Martellani. Al 26’ viene espulso Pietro Bucchini, il playmaker del Nievo, in attesa solo di sapere il punteggio di fine gara di un match dominato in lungo e in largo dal Parini di Mestre. 45-26 il finale.

     

     

    NEXT STOP: venerdì 23 marzo al Palasport Davide Ancilotto di Mestre per la Madness 4 Conference Oro.

    Il programma:
    Gara 1: 09:00 8 Marzo Mirano vs Calvi Belluno
    Gara 2: 09:50 Vendramin-Corner Venezia vs Da Vinci Portogruaro
    Gara 3: 10:40 Alberti San Donà vs Vincente Gara 1
    Gara 4: 11:30 Algarotti Venezia vs Vincente Gara 2
    Gara 5: 12:20 Vincente Gara 3 vs Vincente Gara

    Reyer School Cup, tappa a Padova – Il Gazzettino di Venezia